Il Blu Klein e le avanguardie

blueklein

Il blu è al centro di una grande mostra allestita dal 27 giugno al 25 ottobre negli spazi del Maca (Museo Arte Contemporanea Acri) di Acri (Cosenza) dal titolo ‘nel Blu dipinto di Blu da Yves Klein, la magia di un colore nell’arte contemporanea’ e prende le mosse dalla riproduzione della ‘Venus Blue’, capolavoro ispirato alla Venere di Milo, ideato nel 1960 dall’artista francese, due anni prima di morire all’età di soli 32 anni.
Klein creò nel 1956 quella che egli stesso definì come “la più perfetta espressione del blu”, un oltremare saturo e luminoso, privo di alterazioni, poi da lui stesso brevettato col nome di International Klein Blue (IKB) che rimanda “all’infinito, alla spiritualità, al mito, al mare Mediterraneo, antico ventre, laboratorio di profonda storia e cultura, luogo sentimentale e mentale insieme, della percezione del mito di quella che fu la Magna Grecia” come ha scritto il curatore della mostra Francesco Poli.
Tra le opere selezionate  le più significative realizzate dai maggiori rappresentanti della scena artistica dalla seconda metà del ‘900: Klein, Daniel Spoerri, Raymond Hains, César, Mimmo Rotella. AluDesign propone, nella sua gamma colori di tendenza, il blu abisso per chi ama esprimere attraverso il colore l’intensità dell’arte anche negli elementi architettonici.

 

Questo articolo è disponibile anche in: Inglese